blefaroplastica

Il laser che fa bene agli occhi

Incontriamo oggi il dottor Franco Perego, col quale parliamo nuovamente di blefaroplastica, ma, rispetto al precedente articolo, analizziamo una tecnica differente. Se nel primo approccio abbiamo conosciuto le procedure per un intervento che, sebbene poco invasivo, era comunque un intervento chirurgico, oggi scopriamo come lo stesso tipo di intervento può essere effettuato, in alcuni casi, utilizzando il laser.

Buongiorno dottor Perego, quando possiamo utilizzare il laser per la blefaroplastica?

Il laser per gli interventi di blefaroplastica è sicuramente una metodica molto attrattiva e non invasiva. Può essere utilizzato nei casi non avanzati, ovvero quando non vi è un’eccessiva abbondanza di tessuto in eccesso. Se vi sono le condizioni, il laser è una valida alternativa al bisturi.

Di che tipo di apparecchio si tratta?

È un laser CO2 Superpulsato: consente di praticare una tecnica che tratta in modo selettivo e rapido la regione delle palpebre, eliminando o riducendo in modo importante un eccesso di cute palpebrale.

Nella pratica che cosa accade? Come agisce il laser in una zona così delicata?

La luce concentrata produce microscopici forellini nella pelle provocandone il restringimento. Si crea così l’effetto di riduzione della superficie della cute palpebrale. È un po’ come bruciare un foglietto di carta: prima della distruzione della carta c’è una retrazione, un accartocciamento del fogliettino. Si produce quindi ciò a cui facevo cenno poc’anzi: un effetto correttivo dell’eccesso di cute della palpebra superiore e del rilasciamento della palpebra inferiore, senza alcuna incisione.

Quindi senza alcuna cicatrice?

Sì, proprio così. Con un post operatorio che consisterà solo in un rossore o in sottilissime crosticine della durata di un weekend.

Quanto dura il trattamento?

Dura tra i venti minuti e la mezz’ora. E’ un trattamento ambulatoriale in anestesia locale che non richiede né tagli, né punti di sutura, con un recupero in circa 48 ore. Un aspetto importante è che questa mezz’ora di intervento garantisce una durata media del trattamento di 2-3 anni.

Riassumendo?

Tecnica rapida, indolore, con un recupero rapidissimo ed eseguita ambulatorialmente.

Tutto questo da Benvita?

Sì, certamente!

Ringraziamo il dottor Perego e ricordiamo che per prenotare un appuntamento per una visita ambulatoriale con lui presso il Centro Medico Benvita, è sufficiente cliccare su questo link.

Antongiulio Giove
[email protected]